adderley

L’antropomorfismo ai tempi dello Junk Space

Su PresS/Tletter pubblicato, riveduto, un pezzo già apparso qualche tempo fa su Bizblog, piuttosto faceto.

qui

tavola scamozzi

Annunci

Una settimana di lavoro

Settimana dedicata molto al lavoro, mi pare anche per gli altri. Colonna sonora obbligata Work song di Nat Addeley col gruppo di suo fratello Cannonball (Joe Zawinul al piano)

1) Mi pare che anche le solite discussioni su Sanremo siano state meno vive del solito, nonostante i finti scandali degli sproloqui di Celentano e della farfallina della Belen (“buca” meno “l’omofobia” dei soliti idioti). In proposito, hanno tenuto il campo dei commenti quelli che lo fanno di mestiere, come ad esempio Lia Celi (vedi i suoi pezzi giornalieri su Danni Morandi, ad es. questo.  Carino anche il pezzo più generale, qui) Non usciamo dunque dal mood della settimana, Work Song.

Il fatto è che Sanremo comunque rappresenta qualcosa in Italia. E’ forse ancora un momento di spettacolo che riesce a coagulare interesse concentrato, una rappresentazione, in qualche modo, dell’Italia. Per questo gli italiani sparano a zero, immancabilmente tutti gli anni, su questo festival, e per questo comunque in qualche modo finiscono in gran parte per dargli una occhiata.

Nota su Lia Celi. Non abbastanza conosciuta in rapporto alla sua bravura. E’ proprio una che sforna battute a ripetizione (chiedete la sua amicizia su Facebook e vedrete). Tutto il circo dei media viene frullato nella sua testa e restituito alla giusta comicità. Riporto alcune  battute fra le tante messe nelle ultime ore: a) Il ministro della Difesa: «Dovremo tagliare 30mila militari». I talebani afghani: «Serve aiuto?»   b) Cicciano, donna bloccata sul wc per 10 ore, salvata dai carabinieri. Farà causa ad Activia. c) Ricerca, i bebè capiscono precocemente i discorsi degli adulti. Ecco perché gli cagano addosso così spesso.

2)  Echi sulla fine di Splinder, due link.  a) Salvatore D’Agostino segnala nella seconda parte di questo scritto i blog che parlavano d’architettura in Splinder (e anche del mio vecchio blog, qui ).  b) Prishilla ci guida su un link del suo “traslocatore” di blog, un ragazzo in gamba del 1995 che è stato capace di inventarsi un lavoro) qui

ciao