libri

Una noterella su “Architettura e Democrazia” di Salvatore Settis

C’è una cosa che particolarmente mi colpisce, leggendo questa raccolta di lezioni tenute da Settis all’Università della Svizzera italiana, Accademia di architettura, recentemente pubblicate nelle “vele” di Einaudi, sotto il titolo “Architettura e Democrazia – Paesaggio, Città, Diritti Civili”.

Mi colpisce soprattutto il costante riferimento al piano legislativo, quasi un’ossessione. Leggendo il testo, ci si potrebbe convincere che le questioni che riguardano il paesaggio (sulla nozione di paesaggio i testi sono particolarmente incentrati) siano in gran parte di tipo legislativo: il progresso è il contrastato percorso di norme e vincoli sempre più stringenti, sempre più onnicomprensive.

Anche solo sotto quest’aspetto, sarebbe bello che l’autore si ponesse quanto meno una domanda: com’è possibile che il paesaggio di città e campagna che si intende salvaguardare sia stato prodotto quando la legislazione a riguardo era assente, e invece negli ultimi anni, sia pure in presenza di legislazioni sicuramente corpose, il paesaggio si sia comunque degradato, senza peraltro che le nuove modificazioni abbiano prodotto spazi e paesaggi di qualità? (ammesso che quest’ultima osservazione sia vera, come parrebbe dalla lettura del testo).

Anche il solo porsi questa domanda porterebbe ad una minore sopravvalutazione degli aspetti legislativi e vincolistici, e ad una maggiore attenzione verso i fenomeni di effettiva produzione del paesaggio (usiamo pure questo termine ambiguo e complesso), che poi sono quelli che contano.

(pubblicato su PresS/Tletter qui)

Raffa-Allegoria sogno cavaliere

Raffaello, Allegoria. (il sogno del Cavaliere).  National Gallery London

Nell’epoca della riproducibilità tecnica matura

Il pezzo del post precedente è ora su PresS/Tletter, ma con una sovrapposizione che ha implicato anche una modifica del titolo, che non mi convinceva. La sovrapposizione riguarda il pensare la questione dal punto di vista della tesi di Walter Benjamin riguardo alla “distruzione dell’aura” dell’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica.

(in realtà secondo me c’è una possibile sovrapposizione del discorso anche a riguardo della “fine della storia”, ma era questione un po’ difficile per me).

Per leggerlo clicca qui

E siccome è sabato, è anche un saturday soul surge.

Peter Gabriel , Shaking the Tree. E vale anche per l’otto marzo.

De Mauro, i dialetti, Pasolini

La Repubblica ripubblica (ahaha), in onore al recentemente deceduto Tullio de Mauro, un bel libro-conversazione fra Andrea Camilleri e lo stesso De Mauro, La lingua batte dove il dente duole, già edito da Laterza nel 2013. Ho letto le prime pagine, è godibilissimo e interessante, con questi due anziani dalla bella testa che fa scintille e con tanti interessanti ricordi, relazionati al tema della conversazione: la lingua e i dialetti italiani.

Annoto qui una frase di De Mauro che mi serve per l’argomento che avevo affrontato tempo fa in quella serie di post su Pasolini, in cui sostenevo che PPP abbia avuto, specie dopo la morte, un effetto controproducente sugli intellettuali italiani. (qui il primo della sequenza).

De Mauro: “Le classi colte di città, di Roma, di Milano, pensano che i dialetti siano cosa morta, che non si parlino più. Ma è una palese sciocchezza. Usiamo ancora i dialetti e li parliamo con forme ancora molto autonome rispetto all’italiano. Probabilmente gli intellettuali subiscono ancora l’influenza di Pasolini, che nel 1964 – prendendo una bella cantonata – sosteneva che era nato l’italiano e che il dialetto stava morendo, e che averemmo parlato un italiano tecnologico.

Inizio 2016

E’ un po’ un lungo sabato questo inizio d’anno, e rientra a buon diritto nei saturday soul surge, supersurge.

Oggi la musica proposta è suonata da un musicista che ho scoperto da poco, Nigel Hall di Portland trasferitosi a New Orleans. Non molto noto al grande pubblico, ma  ma secondo me molto bravo e che di recente ha fatto uscire il suo secondo album

Sento questo nuovo anno come necessariamente attivo, quasi violento, ricco di conflitti ma anche di amore.

dado-peintre-irene1) Mi è piaciuto moltissimo il primo episodio di Suite Francese di Irene Nemirowsky, una autrice di cui non avevo letto nulla e che trovo bravissima. Forse esagero, ma direi che mi ha riconciliato con la lettura e forse anche un po’ con la vita, con cui negli ultimi tempi ho un po’ fatto a pugni.

Vado a leggere il secondo episodio, e poi magari anche qualcos’altro di questa scrittrice, altra vittima dei nazisti ad Auschwitz.

 

logo2) Anno di guerra. L’ho deciso ieri, lanciando una piccola polemica riguardo ad una cosa che non mi è andata giù. Ho scritto su Facebook: “ Il nuovo logo dell’ordine degli architetti della provincia di Torino non mi piace affatto. E trovo molto fastidioso, per non dire inaccettabile, che si sia cambiato senza consultare minimamente gli iscritti, senza chiarezza sui costi dell’operazione, peraltro.

In un commento in calce ho citato, per farli accorrere, due consiglieri dell’ordine e l’autore del logo, miei amici di Facebook e con cui sono sempre stato in buoni rapporti. Non è ancora venuto nessuno di loro. Forse faranno come usa fare il “sistema Torino”:  ignorare le voci di dissenso; il dissenso non deve esistere; e se esiste bisogna far finta che non esista, mettere un bel nastro isolante attorno. Ma spero non lo facciano, perchè non glielo perdonerei.

Pietro Pagliardini mi ha scritto “Come inizio di guerra è un colpo col….fucile a tappi . Alza il tiro ad altezza d’uomo. Auguri di Buon Anno!

E va bè. E’ solo un inizio, mi devo sgranchire!

 

 

Breton, grand con

Passando davanti ad una bancarella di libri oggi sono rimasto attratto da un libro di Abscondita di André Breton, Il surrealismo e la pittura. I libri di Abscondita su bancarella hanno su di me un potere d’attrazione forte. Sono belle edizioni, sicuro. André Breton invece non lo sfioro da anni e anni. Da ragazzo, per un certo periodo, l’ho letto parecchio. E ho concluso che fosse un enorme cialtrone, vanesio, pieno di sè,  intrigante (in senso italiano, negativo), pettegolo, settario. In una sola parola, uno scrittore da evitare. Velenoso, peraltro. Ci impiegai un po’ prima di liberarmi del suo veleno.

Eppure oggi sono rimasto attratto da quel libro, sebbene il testo lo avessi già certamente (in una edizione di opere scelte Oscar Mondadori). Non ne ricordavo il contenuto. Certamente l’avevo letto, al tempo. E così, complice il modesto prezzo (3 euri), l’ho comprato. Mi fido sempre del mio istinto bibliofilo. Tanto più che dovevo andare ad una visita medica. Me lo leggiucchierò in sala d’attesa, ho pure pensato pregustando la lettura.

manrayandrebredton1932

Breton solarizzato da Man Ray, 1930

Apro, con la migliore disposizione d’animo di rivalutarlo, e già poco dopo l’incipit leggo: “A questi livelli di sensazione corrispondono realizzazioni spirituali abbastanza precise e distinte da autorizzarmi ad attribuire all’espressione plastica un valore che insisterò invece nel rifiutare all’espressione musicale, la più profondamente confusionaria di tutte. Le immagini auditive sono infatti inferiori a quelle visive non soltanto per nitore, ma anche per rigore, e, checché ne dicano i melomani, non servono a rafforzare l’idea della grandezza umana“. (grassetti miei).

Non sono andato oltre, se non sfogliando alla rinfusa il resto cogliendo ad ogni passo di lettura veloci enormi cretinerie ricche solo di prosopea. Alla mia età, posso leggere qualcosa di un enorme stronzo quale pensavo che fosse, ma non di un enorme idiota quale Breton era. Breton, un grand con, fa pure rima. Non perdete tempo a leggerlo, mai.