La lebbra della disinformazione.

Qui si cerca di analizzare, in modo possibilmente freddo, una vicenda significativa di disinformazione pubblica. Fatto a mio parere piuttosto grave, perchè causato dalle pagine del giornale più diffuso in Italia, il quotidiano “La Repubblica”. (tutti i grassetti, anche delle altre citazioni, sempre in corsivo, sono miei)

Partiamo da questo articolo dunque. E’ leggibile qui .Titolo “Torino, la Appendino taglia il wi-fi: “Abbiamo a cuore la salute”. Poi spiega con un tweet” Incipit : La sindaca Chiara Appendino non aspira soltanto a mettere a dieta i torinesi incoraggiando l’alimentazione “vegetariana e vegana su tutto il territorio cittadino”. Prospetta anche di spegnere gli impianti wi-fi, che considera prepotenzialmente pericolosi per la salute.

La notizia appare inquietante. Tralasciamo per adesso la questione “vegana” che è più sottile, in cui Repubblica e PD locale hanno però fatto pesante terrorismo ideologico, dando ad intendere che verranno a toglierti la libertà di mangiare un fettina, una albese e persino la bagna caoda dato che – pur essendo piatto sostanzialmente vegetariano – ha le acciughe. (magari ne parliamo dopo)

Io sono andato a controllare, sul programma di governo appena varato, scaricabile in formato pdf qui.

Bene, cerchiamo “Wifi” nel documento. Abbiamo due citazioni. pag. 37, paragrafo Turismo :

Agevolazioni fiscali per gli operatori che adottano un’articolata politica di
accoglienza nei confronti del turista come orari di apertura prolungata, wifi
gratuito e menu in lingua.

ah…. uhm …. vediamo l’altro.

pag. 59 ” Azioni di medio termine: experimentation lab
1. Creare una infrastruttura tecnologica all’avanguardia (banda, wifi, servizi in
cloud) per lo sviluppo di progetti di smart city con un modello platform as a
service.
Banda wifi: utilizzare al meglio tutte le infrastrutture di rete già
esistenti in città, per costruire un sistema wifi a banda larga su tutta
la città, attraverso l’installazione di routers e antenne wifi dedicate
all’utilizzo da parte di cittadini e imprese;

Ma la Repubblica, di che c..zo sta parlando, vi chiederete. Riprendo l’articolo, mi tocca leggerlo tutto, mannaggia.

C’è scritto così a pagina 23 del programma di governo che la prossima settimana passerà in consiglio comunale per l’approvazione.

Beh, non c’è sicuramente scritto “wi-fi”, l’avrei beccato, ma andiamo a vedere pagina 23:

paragrafo Ambiente, i fondi europei e la tutela degli animali. Ecco la citazione dello scandalo per Repubblica:

Siamo consci anche che quando si parla di inquinamento ci sia da considerare
anche quello elettromagnetico.
A tale proposito seguiremo tutti i principi di precauzione relativi alle onde generate
da ogni impianto di emissione, ancor di più se queste apparecchiature si trovano
all’interno di edifici scolastici. Chiederemo, in concerto con le altre amministrazioni
pubbliche, di ridurre il tempo e/o la quantità delle emissioni in modo che sia
garantita la connettività per lo stretto necessario. Inoltre monitoreremo e saremo
attenti in modo costante agli sviluppi degli studi in ambito medicoscientifico
in merito, perché abbiamo a cuore la salute, l’ambiente ma anche lo sviluppo dei
sistemi di connessione alla rete. Ove sarà possibile chiederemo di ridurre il
numero di singoli impianti o emittenti, riducendole al numero strettamente
necessario a garantire la copertura e/o la connettività dei dispositivi mobili.

Beh. Mi pare ben diverso dalla notizia di Repubblica. E mi piace, mi pare del tutto ragionevole, specie se combinato con le altre due citazioni. Comunque se ne può discutere, è un tema da non scartare.

C’è un fatto importante, però. Le parole del programma sono un dato di fatto ufficiale di governo, mentre la Repubblica è carta di giornale, inadatta purtroppo all’uso che in questo caso sarebbe idoneo data la pessima qualità dell’informazione in essa contenuta. E tralascio tutte le scorrettezze del resto dell’articolo, da antologia di cosa non bisogna fare per essere giornalisti onesti.

Bene. E che fanno i dirigenti locali del PD, ex assessori, (le persone serie e affidabili, a differenza di quei cialtroni dei grillini)?

Prendiamo Enzo Lavolta, ex assessore all’innovazione ed all’ambiente, il più lesto a rilanciare la spazzatura disinformativa di Repubblica. Dal suo profilo su facebook, inserendo l’immagine dell’articolaccio (leggibile solo il titolo):

IO INVECE PENSO CHE IL WI-FI FACCIA BENE. C’è un legame stretto tra accesso libero alla rete, democrazia e nuove opportunità, soprattutto per le nuove generazioni. E’ necessario valorizzare le reti esistenti e tutte le possibili collaborazioni tra pubblico e privato per realizzare l’area metropolitana più connessa d’Italia, dove chiunque possa, se e quando vuole, connettersi ad Internet liberamente e senza limiti di tempo.   Perché Internet a Torino deve essere un diritto di tutti. La connettività è una condizione essenziale per diffondere l’uso delle tecnologie digitali, fattore abilitante di molte opportunità di crescita professionale e culturale per i cittadini. La connettività è un atto concreto verso i cittadini e indispensabile per vivere il futuro in modo attivo e consapevole.

Il pippozzo generico e grossolano di Lavolta, basato sulle fole dell’articolo di Repubblica e probabilmente non mitigato dalla lettura -per lui doverosa – del programma di governo  è stato prontamente rigirato da Lo Russo, ex assessore all’urbanistica.

Ed ora, moltissima gente in rete ripete il titolo di Repubblica, dicendo che ora tolgono il wi-fi ,  ommimì si torna al medioevo, questi sono pazzi.  L’ha detto la Repubblica, mica Lercio, e lo dicono ex assessori, giovani e dinamiche persone del PD!

Ora, stante il fatto che La Repubblica già non mi aveva fra i suoi lettori, per me era seconda scelta in edicola e ora diventerà fra la 19esima e la 20esima, dopo l’Eco del Chisone, prima solo di Libero e Padania (ma non ne sono sicuro), se devo valutare i politici della mia città, a questo giro il PD ha perso almeno 4 punti a zero. Uno per la superficialità di non leggere il programma degli avversari che ti hanno sconfitto, uno per averlo magari letto ed essere forse tonti, ed altri due per essere in realtà forse disonesti e mentire sapendo di mentire.

E mi rimane un senso di rabbia contro le menzogne, perchè inquinano il libero dibattito pubblico. Chi mi conosce sa che non sono mai stato grillino, anzi in passato sono stato pure ostile a Grillo e il suo movimento. Ma credo nell’importanza della verità. E tanto mi basta. Questa volta sta dalla parte del M5S.

E la menzogna più nera, la lebbra della disinformazione, che fa ammalare l’opinione pubblica, sta dalla parte di La Repubblica e del PD.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...