Mese: luglio 2016

Il rock e la vecchiaia (I)

Solitamente si tendeva ad associare musica rock alla gioventù. Il rock, questa onda musicale che parte appunto dal rock’n roll, che poi è anche il sesso e la sua liberazione in musica, che condizionava folle di teen agers, che costituiva quella generazione a cui gli Who dedicarono il loro primo hit, “my generation” con il famoso verso “I hope die before get old“, e che ha avuto le ultime manifestazioni davvero originali, l’ultima spremitura, nei primi anni ’80 se non prima, ossia circa 35 anni fa, ha invece da qualche anno molto a che fare con la vecchiaia. (non mi dite che il grunge e i Nirvana, o gli Oasis, abbiano detto qualcosa di nuovo, per favore)

La cosa non è ancora del tutto chiara. La gente si stupisce del gran numero di morti del rock, ma non dovrebbe. Ne parlai non molto tempo fa qui.

Il tema mi affascina, perchè ho sempre seguito, ed anche suonato, questo genere di musica. E anch’io sto invecchiando. Mi si è ripresentato con prepotenza, guardando un video recente dei Dexis, gruppo esploso nei primi anni ’80,  in cui il regista indugia sui segni di vecchiaia e sul difetto fisico, insieme ai consueti segni della moda alternativa, underground, tipica dei musicisti rock e dei loro fan. Costoro c’erano dentro fino al collo. Si sono segnati, ma continuano ad essere fedeli a quello stile di vita, e lo mantengono con dignità e fierezza.

Così mi è venuto in mente che potrebbe essere bello scrivere qualcosa su vecchiaia e rock, da un punto di vista inconsueto: vedendo la vecchiaia nel rock non tanto, come usualmente accade, come una componente puramente negativa, ma come elemento effettivo e imprescindibile.

Il modo d’essere vecchio dell’artista del rock è delicato, sicuramente pensato, e quindi forse foriero di insegnamenti, ma sicuramente ci sono elementi necessari o involontari, che derivano dal destino di un certo stile coniato in gioventù e il modo d’interpretarlo da parte dei vari artisti. Attraverso cui allora ripensare il significato profondo delle scelte d’allora.

Questi post avranno un taglio “per tutti”, quindi potrei dire cose che sono scontate per gli esperti del genere. Tuttavia non potrò spiegare sempre i riferimenti in modo esplicito, dunque utilizzerò se necessario collegamenti esplicativi entro il testo, da cliccare in caso di curiosità per chi non sapesse un termine.

Ecco, abbiamo visto come invecchiano pubblicamente Kevin Rowland (classe 1953) e suoi amici. Loro erano di ambito mod, pertanto attenti e  curati nel vestire. Di questi giorni invece è la diffusione di una foto – rubata, certamente – di come è oggi il cantante del più famoso gruppo punk, i Sex Pistols. Ecco a voi Johnny Lydon alias Rotten (c.1956), oggi. Direi che è abbastanza punk pure ora. (continua qui)

rotten

La lebbra della disinformazione.

Qui si cerca di analizzare, in modo possibilmente freddo, una vicenda significativa di disinformazione pubblica. Fatto a mio parere piuttosto grave, perchè causato dalle pagine del giornale più diffuso in Italia, il quotidiano “La Repubblica”. (tutti i grassetti, anche delle altre citazioni, sempre in corsivo, sono miei)

Partiamo da questo articolo dunque. E’ leggibile qui .Titolo “Torino, la Appendino taglia il wi-fi: “Abbiamo a cuore la salute”. Poi spiega con un tweet” Incipit : La sindaca Chiara Appendino non aspira soltanto a mettere a dieta i torinesi incoraggiando l’alimentazione “vegetariana e vegana su tutto il territorio cittadino”. Prospetta anche di spegnere gli impianti wi-fi, che considera prepotenzialmente pericolosi per la salute.

La notizia appare inquietante. Tralasciamo per adesso la questione “vegana” che è più sottile, in cui Repubblica e PD locale hanno però fatto pesante terrorismo ideologico, dando ad intendere che verranno a toglierti la libertà di mangiare un fettina, una albese e persino la bagna caoda dato che – pur essendo piatto sostanzialmente vegetariano – ha le acciughe. (magari ne parliamo dopo)

Io sono andato a controllare, sul programma di governo appena varato, scaricabile in formato pdf qui.

Bene, cerchiamo “Wifi” nel documento. Abbiamo due citazioni. pag. 37, paragrafo Turismo :

Agevolazioni fiscali per gli operatori che adottano un’articolata politica di
accoglienza nei confronti del turista come orari di apertura prolungata, wifi
gratuito e menu in lingua.

ah…. uhm …. vediamo l’altro.

pag. 59 ” Azioni di medio termine: experimentation lab
1. Creare una infrastruttura tecnologica all’avanguardia (banda, wifi, servizi in
cloud) per lo sviluppo di progetti di smart city con un modello platform as a
service.
Banda wifi: utilizzare al meglio tutte le infrastrutture di rete già
esistenti in città, per costruire un sistema wifi a banda larga su tutta
la città, attraverso l’installazione di routers e antenne wifi dedicate
all’utilizzo da parte di cittadini e imprese;

Ma la Repubblica, di che c..zo sta parlando, vi chiederete. Riprendo l’articolo, mi tocca leggerlo tutto, mannaggia.

C’è scritto così a pagina 23 del programma di governo che la prossima settimana passerà in consiglio comunale per l’approvazione.

Beh, non c’è sicuramente scritto “wi-fi”, l’avrei beccato, ma andiamo a vedere pagina 23:

paragrafo Ambiente, i fondi europei e la tutela degli animali. Ecco la citazione dello scandalo per Repubblica:

Siamo consci anche che quando si parla di inquinamento ci sia da considerare
anche quello elettromagnetico.
A tale proposito seguiremo tutti i principi di precauzione relativi alle onde generate
da ogni impianto di emissione, ancor di più se queste apparecchiature si trovano
all’interno di edifici scolastici. Chiederemo, in concerto con le altre amministrazioni
pubbliche, di ridurre il tempo e/o la quantità delle emissioni in modo che sia
garantita la connettività per lo stretto necessario. Inoltre monitoreremo e saremo
attenti in modo costante agli sviluppi degli studi in ambito medicoscientifico
in merito, perché abbiamo a cuore la salute, l’ambiente ma anche lo sviluppo dei
sistemi di connessione alla rete. Ove sarà possibile chiederemo di ridurre il
numero di singoli impianti o emittenti, riducendole al numero strettamente
necessario a garantire la copertura e/o la connettività dei dispositivi mobili.

Beh. Mi pare ben diverso dalla notizia di Repubblica. E mi piace, mi pare del tutto ragionevole, specie se combinato con le altre due citazioni. Comunque se ne può discutere, è un tema da non scartare.

C’è un fatto importante, però. Le parole del programma sono un dato di fatto ufficiale di governo, mentre la Repubblica è carta di giornale, inadatta purtroppo all’uso che in questo caso sarebbe idoneo data la pessima qualità dell’informazione in essa contenuta. E tralascio tutte le scorrettezze del resto dell’articolo, da antologia di cosa non bisogna fare per essere giornalisti onesti.

Bene. E che fanno i dirigenti locali del PD, ex assessori, (le persone serie e affidabili, a differenza di quei cialtroni dei grillini)?

Prendiamo Enzo Lavolta, ex assessore all’innovazione ed all’ambiente, il più lesto a rilanciare la spazzatura disinformativa di Repubblica. Dal suo profilo su facebook, inserendo l’immagine dell’articolaccio (leggibile solo il titolo):

IO INVECE PENSO CHE IL WI-FI FACCIA BENE. C’è un legame stretto tra accesso libero alla rete, democrazia e nuove opportunità, soprattutto per le nuove generazioni. E’ necessario valorizzare le reti esistenti e tutte le possibili collaborazioni tra pubblico e privato per realizzare l’area metropolitana più connessa d’Italia, dove chiunque possa, se e quando vuole, connettersi ad Internet liberamente e senza limiti di tempo.   Perché Internet a Torino deve essere un diritto di tutti. La connettività è una condizione essenziale per diffondere l’uso delle tecnologie digitali, fattore abilitante di molte opportunità di crescita professionale e culturale per i cittadini. La connettività è un atto concreto verso i cittadini e indispensabile per vivere il futuro in modo attivo e consapevole.

Il pippozzo generico e grossolano di Lavolta, basato sulle fole dell’articolo di Repubblica e probabilmente non mitigato dalla lettura -per lui doverosa – del programma di governo  è stato prontamente rigirato da Lo Russo, ex assessore all’urbanistica.

Ed ora, moltissima gente in rete ripete il titolo di Repubblica, dicendo che ora tolgono il wi-fi ,  ommimì si torna al medioevo, questi sono pazzi.  L’ha detto la Repubblica, mica Lercio, e lo dicono ex assessori, giovani e dinamiche persone del PD!

Ora, stante il fatto che La Repubblica già non mi aveva fra i suoi lettori, per me era seconda scelta in edicola e ora diventerà fra la 19esima e la 20esima, dopo l’Eco del Chisone, prima solo di Libero e Padania (ma non ne sono sicuro), se devo valutare i politici della mia città, a questo giro il PD ha perso almeno 4 punti a zero. Uno per la superficialità di non leggere il programma degli avversari che ti hanno sconfitto, uno per averlo magari letto ed essere forse tonti, ed altri due per essere in realtà forse disonesti e mentire sapendo di mentire.

E mi rimane un senso di rabbia contro le menzogne, perchè inquinano il libero dibattito pubblico. Chi mi conosce sa che non sono mai stato grillino, anzi in passato sono stato pure ostile a Grillo e il suo movimento. Ma credo nell’importanza della verità. E tanto mi basta. Questa volta sta dalla parte del M5S.

E la menzogna più nera, la lebbra della disinformazione, che fa ammalare l’opinione pubblica, sta dalla parte di La Repubblica e del PD.

Papaveri e Bufale

(il fatto che ha suscitato queste riflessioni è questo )

Ho trovato spaventoso che, all’indomani del voto delle amministrative e del “Brexit”, molti esponenti dell’area di centro sinistra e PD abbiano messo in dubbio la validità del suffragio universale, nel migliore dei casi parlando di “patenti” per votare e cose di questo genere.

Trovo anche inquietante, più che il diffondersi “virale” di “bufale” su internet, il fatto che, più o meno la stessa gente che mette in discussione il suffragio universale, parli del fenomeno delle “bufale” per affermare che in effetti è internet la causa della diffusione di queste menzogne, della disinformazione.

Insomma, questi pensano che, se le cose vanno male, è perchè la gente è ignorante, e occorrerebbe limitarne l’accesso sia al voto che a internet.  Se non pensassero di essere di sinistra, progressisti e antifascisti, direbbero pure “ah, quando c’era Lui…“. Io non farei votare loro, ma guarda un po’.

E’ evidente che non sia così; che il problema non stia nell’uso libero di internet, nella sua mancanza di censura. Infatti, se è vero che in internet è facile diffondere una notizia falsa, nondimeno è anche molto facile controllarne la falsità, e diffondere in modo altrettanto capillare la smentita, prendendo pure in giro chi si è bevuto la palla come acqua fresca.

Purtroppo nei mass media tipo televisione la situazione è decisamente peggiore. Una notizia distorta o non vera detta al telegiornale diviene immediatamente per milioni di persone la verità indiscutibile e soprattutto non controllabile.

Chi ha una visione ingenua della conoscenza tende a non capire che non è tanto importante che una notizia sia VERA, perchè ogni notizia è raccontata (o non raccontata) comunque in un certo modo, e quale che sia non è neutrale. E’ invece importante poterla sentire in vari modi, poterne controllare la veridicità ed anche le sottigliezze retoriche della sua narrazione. Questo non lo garantisce affatto la televisione, lo può semmai consentire proprio internet.

La realtà è che internet dà fastidio a certuni non tanto perché è veicolo di bufale (le bugie in internet hanno le gambe corte), quanto perché toglie agli organi di stampa televisivi il monopolio/oligopolio della menzogna.

L’istruzione è un elemento di grande importanza in questo discorso.

Se la scuola insegna a ripetere la lezione a pappagallo (in linguaggio tecnolatrico contemporaneo “acquisire competenze“)  e non a ragionare ed avere un pensiero critico, anche specificamente rivolto alle fonti in rete, non ci si deve poi stupire del rimbalzare “virale” di bufalone galattiche.

(scritto su questo blog di argomento correlato, Elogio dei fake )