Pasolini ecc. IV – Dopo la presunta scomparsa delle lucciole

segue da qui

La parte dell’articolo delle lucciole che riguarda il “dopo scomparsa” è senz’altro il più centrato e convincente. I vecchi “valori” (qui nuovamente con le virgolette da lui messe), vengono definitivamente soppiantati dai nuovi “valori” della società consumistica prodotta dal neo capitalismo. Questo potere impone alla gente tali valori in modo molto più potente e pervasivo che il vecchio potere (quale ad esempio il fascismo in senso stretto). In questo senso, il potere democristiano d’allora era già divenuto un potere vuoto, privo di senso e funzione (tralasciamo qui di riportare le idee di P. riguardo a tale vuoto di potere).  Pasolini esprime parole molto dure riguardo a questo “mutamento antropologico” in Italia; riporto qui le famose frasi : “Era impossibile che gli italiani reagissero peggio di così a tale trauma storico. Essi sono divenuti in pochi anni (specie nel centro sud) un popolo degenerato, ridicolo, mostruoso, criminale.”

Nel documentario La Forma della Città di cui abbiamo già parlato, perfetto parallelo filmico dell’articolo delle lucciole, Pasolini dichiara: “Il regime è un regime democratico, eccetera, eccetera, però quella acculturazione, quella omologazione che il fascismo non è riuscito assolutamente a ottenere, il potere di oggi, cioè il potere della società dei consumi, invece, riesce a ottenere perfettamente. […] Il vero fascismo è proprio questo potere della civiltà dei consumi che sta distruggendo l’Italia, e questa cosa è avvenuta talmente rapidamente che non ce ne siamo resi conto, è avvenuta in questi ultimi cinque, sei, sette, dieci anni… è stato una specie di incubo in cui abbiamo visto l’Italia intorno a noi distruggersi, sparire. Adesso, risvegliandoci, forse, da questo incubo, e guardandoci intorno, ci accorgiamo che non c’è più niente da fare”

(la trascrizione è tratta da qui )

Questo tema è peraltro ricorrente nell’ultimo Pasolini (è stato rilevato ad es. il riferimento ad un altro articolo degli scritti corsari, che riguarda la acculturazione e la televisione , vedi qui.

Vorrei chiudere questo discorso che ho incautamente aperto su Pasolini, in due direzioni:

1) una critica al suo assetto di pensiero per la duplice ragione di non aver sciolto le proprie contraddizioni interne, e di aver coltivato, forse non senza compiacimento, questo pesssimismo da un lato puramente estetico, dall’altro anche inesorabile, ineluttabile : “non c’è più niente da fare”. Che poi in fondo è un po’, con tutto il rispetto, da vecchio trombone che rimpiange i bei tempi andati in cui i fanciulli erano analfabeti e puri. Cosa che ha consentito che il suo pensiero venisse male utilizzato, vedi punto seguente.

2) il modo con cui l’opera e il pensiero di Pasolini siano stati utilizzati in modo pigro e come alibi dalla gran parte degli intellettuali italiani, ma forse sarebbe meglio dire dall’establishment culturale italiano. Esso ha canonizzato il Pasolini non per quello che lui avrebbe voluto essere, ma quello che purtroppo talvolta è stato suo malgrado: un decadente, un pessimista, un conservatore, nel migliore dei casi un Pascoli dei tempi moderni. Utile per la classe dirigente più retriva, quella borghesia che egli definiva “la più ignorante d’Europa”, che poteva così trincerare il suo conservatorismo bieco dietro il prestigio e l’impegno autentico di Pasolini, impossessandosene indebitamente.  La sua fine è stata proprio quella del corvo in uccellacci e uccellini, anche se a mangiarlo non sono stati Totò e Ninetto.

ma proverò a farlo alla prossima puntata

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...