steampunk 2000

L’ultimo post non è stato forse del tutto inutile, in quanto probabilmente mi è valsa la segnalazione – da parte di un amico – del concetto di “steampunk” (vedi voce wiki), che ignoravo totalmente.

Archigram, walking city. Immagine tratta da http://archigram.westminster.ac.uk/

E’ senz’altro oggi immaginabile una forma di steampunk basata su concetti science fiction anni ’60. O forse siamo ancora troppo vicini a quel tipo di immaginario per trovare buffo o stimolante continuarlo? Forse non abbiamo elaborato un altro immaginario futuribile per ottenere appunto sufficiente distacco da quello anni ’60?

Ancora: i due generi sono senz’altro anglosassoni; comunque hanno trovato fra i migliori cantori gente inglese: Archigram, Ballard, Kubrick (di Clockwork orange e 2001). O no? E se è vero, possiamo, per una volta, provare a fare il contrario? Riformulare un immaginario sistematicamente anti britannico? (emoticon: smile)

 

 

 

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...